e-dock: la rivoluzione della mobilità elettrica parte da Venezia

Come funziona?

e-dock è un elemento infrastrutturale di postazioni di ricarica, sia pubblica che privata, per le imbarcazioni elettriche.

Venezia è la città in cui nasce e-dock poiché, per la sua peculiare caratteristica, il principale sistema di trasporto sia privato che pubblico è su acqua.

Come già accaduto nel settore stradale, è nella realizzazione delle infrastrutture di ricarica che risiede la possibilità di una graduale conversione elettrica del settore nautico e di avviare il mercato collegato.

Il fine della de-carbonizzazione del trasporto nautico è motivato dalla progressiva riduzione, fino all’eliminazione, del forte impatto ambientale generato da quello endotermico attuale, spesso molto vetusto.
 I motori elettrici marini sono infatti caratterizzati dall’assenza di emissioni nocive sia chimiche (gas di scarico e lubrificanti) che fisiche (polveri sottili e rumore). “Ormeggio e ricarica” è il concetto sul quale è basata la creazione di una rete infrastrutturale a disposizione delle imbarcazioni per consentire il rifornimento energetico delle batterie durante le soste.

Nasce così il progetto e-dock, la “colonnina” nautica che si compone di due sezioni: la sezione sommitale, nella quale si concentra la dotazione tecnologica, e la sezione basale di ancoraggio al fondale. L’elemento infrastrutturale risulta innovativo soprattutto per il suo design e la parte di progettazione meccanica brevettati. La soluzione individuata integra nella palina, elemento caratteristico di ormeggio nautico veneziano, la tecnologia di ricarica elettrica permettendo di ovviare alle problematiche proprie d’impatto visivo nel delicato contesto urbanistico veneziano. Il design di e-dock è dunque made in Venice e perfetto per essere usato in tutto il mondo.

Design

L’elemento infrastrutturale risulta innovativo soprattutto per quanto concerne il design e la parte di progettazione meccanica brevettata. La soluzione individuata, integra nella palina, l’elemento caratteristico di ormeggio nautico veneziano, la tecnologia di ricarica elettrica permettendo di ovviare alle problematiche proprie d’impatto visivo nel delicato contesto urbanistico veneziano.

Caratteristiche principali

Sicurezza

Il connettore di ricarica può essere inserito solo da terra. Inoltre, la quota tecnologica sommitale è esonerata dalle escursioni di marea, anche eccezionali.

Manutenzione semplice

La sezione sommitale è facilmente removibile e le componenti tecnologiche accessibili;

Resistenza e durevolezza

I materiali, riciclabili al 100%, sono stati scelti per resistere ai continui urti delle imbarcazioni e all’aggressività della salsedine marina.

Compila i campi per scaricare il pdf

    SiHo letto e accettato la privacy policy

    e-dock da banchina

    Pensando a diversi contesti nautici, abbiamo realizzato una variante di e-dock progettata nello specifico per moli e banchine, che replica il design della parte sommitale della palina da ormeggio. Proprio tale coerenza estetica permetterebbe di utilizzare entrambi i prodotti nello stesso contesto.

    Come funziona

    La colonnina da banchina può essere dotata di una doppia presa nel caso in cui venga installata dove già esiste un punto di fornitura elettrico. Resta comunque la possibilità d’inserire il box di contenimento del contatore per un’installazione stand-alone.
    Nell’estremità superiore è presente una luce Led circolare.

    Nei contesti in cui non fosse necessario un nuovo punto di fornitura elettrica, la colonnina può considerarsi come semplice elemento sommitale della palina da ormeggio. Viceversa, se la colonnina dovesse integrare un nuovo punto di fornitura, sarebbe necessario eliminare una delle due prese.

    Pensando anche alle necessità specifiche di particolari ambienti marittimi, la colonnina da banchina può essere dotata di un modulo idrico accessorio alla base. Per evitare i classici rubinetti esterni spesso sporgenti, si è optato per un attacco a innesto rapido.